Residenza, Milano, 1999
Ristrutturazione
Foto di Cristina Fiorentini (www.cristinafiorentini.it)
La ristrutturazione e l'ampliamento dell'ultimo piano di un elegante palazzo milanese dei primi del '900 diviene l'opportunità per investigare il concetto di spazio libero unitario all'interno di un contesto fortemente definito.
Il progetto si sviluppa affrontando il tema della definizione del volume interno di un elemento edilizio, ricercando modalità di intervento finalizzate a recuperare una serie di ambienti esistenti e a sviluppare uno spazio unitario ampio e fortemente identificabile.
Seguendo questi presupposti si è intervenuti innanzitutto con la rimozione delle murature interne esistenti e della soletta intermedia del sottotetto, ottenendo così uno spazio interno caratterizzato da una notevole altezza di oltre 5 metri e una piena visibilità della copertura.
L'ossatura di quest'ultima è stata sostituita da una struttura a capriate con travi e tiranti in acciaio.
All'interno del volume ottenuto sono stati definiti due spazi, uno principale e uno secondario posto al livello superiore, poggiante su travi metalliche e distaccato dalle pareti perimetrali. Si è così configurato uno schema semplice caratterizzato dalla presenza di un unico grande volume vuoto contenente un secondo elemento sospeso costituito dal soppalco.
La luce zenitale proveniente dai lucernari in copertura sottolinea la nuova profondità spaziale dell'ambiente interno.
La residenza si sviluppa funzionalmente su due livelli, il principale in cui gli ambienti interni sono definiti da arredi e pannelli scorrevoli, enfatizzando l'idea di uno spazio fluido, libero e plasmabile a seconda delle necessità, come zona di lavoro, relax o camera per gli ospiti.
I due livelli sono collegati tra loro attraverso una scala di cui si è messo in evidenza l'aggancio a terra con un basamento in calcestruzzo e la leggerezza dei gradini con una struttura scatolare metallica che si arrampica sino al livello del soppalco.
L'abbinamento di elementi high-tech con oggetti di design e manufatti vintage riesce a definire un'interessante ambientazione che ben rispecchia alcuni aspetti del life style contemporaneo, un interessante mix traimposizioni del contemporaneo e nostalgia della tradizione.